Non è un dolce, è un viaggio nell’iperspazio

Pasqua è alle porte e con lei gli amletici dubbi che la circondano: invitiamo anche la zia Genoveffa? Ma parenti serpentitua cugina adesso è vegana? Chi fa gli antipasti? Ma il nonno l’agnello lo mangia?

E, soprattutto: dove prendiamo la colomba?

Non possiamo aiutarvi a risolvere la questione della zia Genoveffa o di chi debba fare gli antipasti, ma sulla colomba siamo la risposta ai vostri dubbi.

Vini Rossetti ha infatti selezionato per voi, secondo i consigli dei migliori gourmet (e si, anche sacrificandoci negli assaggi), la colomba secondo noi, e non soltanto noi, numero uno: quella della pasticceria Pepe.

Da anni in cima alle classifiche con i suoi dolci a pasta lievitata – Panettoni e colombe – la pasticceria Pepe ha fatto breccia nel nostro cuore con il giallo della pasta, la sofficiosità della consistenza, il vortice perfetto che creano in bocca tutti gli ingredienti della sua colomba.

 

Non è un dolce, è un viaggio nell’iperspazio del gusto con momenti che rasentano l’estasi papillogustativa.

 

Mette d’accordo tutti, piace anche a quelli che di solito la colomba non la mangiano.colomba 2

Parola di chi l’ha aperta una domenica in famiglia e l’ha vista sbranare in 10 minuti da soggetti fra i 5 e i 93 anni.

Alcuni fra quelli che “solo un pezzo da assaggiare, che a me la colomba non piace”  sono stati visti sgomitare con la cognata per prendere l’ultima fetta.

 

 

Insomma, concedetevi un volo pindarico-gustativo a bordo di questo volatile soffice targato Pepe.

colomba


Categories: Senza categoria

Post Your Thoughts